Vulumbrella

Inserito da: · luglio 17, 2020

Vulumbrella

Di

Salvatore Argenziano e Aniello Langella

 

Fatte molla e no cchiù ddura

mò ca si’ formosa e bella

ca ogne fica vulumbrella

a ‘sto tiempo s’ammatura.

 

Fatte doce e no cchiù amara

nun te fa vedere acerba

e non esser tanto brava

fatte umile e no superba.

 

Mo ca è verde la toja erba

e lu munno renovella

ca ogne fica vulumbrella

a ‘sto tiempo s’ammatura.

 

Mò ca sì ‘mmeza ammullata

e tra fronne fai la guerra

nun aspettare ca si’ seccata

e che cade in chiana terra.

 

Fa’ ca’ po’ da te se sferra

ca si’ tosta fredda e bella

ca ogne fica vulumbrella

a ‘sto tiempo s’ammatura.

 

Salvatore Argenziano e Aniello Langella – Vulumbrella – vesuvioweb 2020.pub

 

È il trascorrere lento e inesorabile del tempo che anima il testo. Lo si percepisce da subito. Si tocca con mano già dalle prime note, scandito ritmicamente dalle note di strumenti a percussione. Tempus edax rerum, vuole mettere in chiaro il nostro artista napoletano o forse più genericamente vesuviano. Sceglie un frutto; lo individua tra le mille specie a sua disposizione e ne fa un piccolo poema campestre, rustico, da cantare come inno al rientro del lavoro dei campi, quando per stanchezza ha sopraffatto tutto e l’unico diletto che ristora, può essere il desco gustoso e la mollezza di un talamo pronto. Sceglie il frutto del fico, appena maturo, turgido e dolce: la fica vulumbrella. Osserva bene e con attenzione, esamina il destino di questa bontà della natura. Tonda e profumata, morfologicamente assimilata all’utero nell’anatomia della Scuola Salernitana. Ne desidera i succhi dolci e singolari e così lasciandosi quasi inebriare dal ritmo dei cembali e dalle parole che continua a sentire, rivolge più volte il reiterato invito al frutto che diventa in quel preciso momento la donna desiderata: …ca ogne fica vulumbrella a ‘sto tiempo s’ammatura…. Un canto che conosciamo, declinato in altre terre, ma con i medesimi intenti: …di doman nessun si paschi … Non attendere che il tempo ti faccia invecchiare, ci faccia perdere la giovinezza; ti esorto a considerare questo pensiero; ti scongiuro donna bellissima che mi precedi tornando a casa dopo il lavoro dei campi; ora sei formosa e bella; non hai bisogno di nulla se non di dare atto al tuo destino,…concederti a me.

 

https://

 

Salvatore Argenziano – Vulumbrella Fatti molla e nun chiù dura – vesuvioweb 2016.pub

 

Fica Vulumbrella – vesuvioweb 2016.pub

Discussione3 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Bellissimo lavoretto su un canto di lavoro di grande originalità. Grazie e complimenti! Da me, nel Sannio Pentro, i fichi della prima estate sono detti “krumbere”, evoluzione del latino “columbulae” diminutivo di “columba”, proprio perché i grossi fichi giugnesi, specialmente quelli scuri, sembrano colombelle appollaiate nel verde fogliame dell’albero.

  2. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Breve e significativa la villanella ischitana del 15°secolo.Giocata con perizia sul doppio senso,come si nota poi in tante canzoni napoletane.L’innamorato sollecita la giovane tosta e formosa,alias fica vulumbrella,a concedersi presto all’esperienza d’amore,perchè tardando potrebbe perdere la sua freschezza e bellezza,trasformarsi ben presto in ” una fica moscia” che nessuno più desidera mangiare e gustare.La fica moscia,eccessivamente matura, in dialetto napoletano è quella che cade a terra e viene chiamata “caracuzze”Ma il testo va oltre l’esperienza d’amore e ci parla della incalzante brevità della vita per cui il messaggio vero ci riporta al “carpe diem” oraziano:vivi intensamente l’attimo e non porre speranze nel futuro.Un grazie a chi ce l’ha proposta.

  3. Jana Haasová ha detto:

    Bella canzone, melodia tenera…

    https://www.youtube.com/watch?v=nkGG0OF100A

    Grazie e saluti Jana

Aggiungi un commento