John Evelyn ed il racconto del Vesuvio

Inserito da: · Novembre 24, 2020

John Evelyn ed il racconto del Vesuvio

Di

Aniello Langella

Fu intorno al 1869 che tra le mani dello scrittore e editore Smith Herbert Maynard, si ripresentano i testi di John Evelyn. Noti certamente alla letteratura anglosassone di quei temi che prediligeva il tema del viaggio ed in particolare quello in Italia, sulla scia del Grand Tour, avevano occupato un ruolo importante del momento in cui, verso il finire del secolo XIX, si ricercava il bello e la bellezza da esso derivata, al fine di create nuovi modelli estetici, sia in ambito letterario, ma anche squisitamente artistico. Fu la Grande Guerra ad arrestare bruscamente questa ricerca fatta di emozione e fatta soprattutto del ricordo che si legava al viaggio ed a terre assolate e lontane. Nel 1914 Herbert Maynard Smith diede alle stampe un testo dal titolo significativo ed eloquentemente celebrativo, nei confronti dello scrittore inglese John Evelyn (Wotton, 31 ottobre 1620 – Londra, 27 febbraio 1706): “John Evelyn in Naples, 1645”. Uomo curioso ed attento alle espressioni umane e del popolo, ebbe modo di viaggiare molto, potendo sostenersi questi, grazie ad un consistente patrimonio. La sua famiglia era proprietaria di una fabbrica di polvere da sparo. John Evelyn è noto al pubblico inglese assieme ad un altro grande scrittore, Samuel Pepys, per i diari dalla contenutistica romantica e descrittiva dei luoghi e delle terre che frequentò e visitò. Erano maturi in letteratura proprio i tempi dove meglio si poteva esprimere il pensiero attraverso l’annotazione quotidiana, settimanale, periodica. Il diario diventa una forma espressiva singolarmente attuale. In questi testi Evelyn ci narrerà della morte di Carlo II d’Inghilterra, di Oliver Cromwell, ma anche del grande incendio di Londra e la grande peste che decimò la popolazione londinese.

Una curiosità: certamente Evelyn visitò il Vesuvio dopo l’eruzione del 1631 ed erano all’epoca del suo viaggio che forse si data alla primavera del 1697, ebbe modo di osservare da vicino le aree ancora devastate dalla terribile e spaventosa eruzione. Nel suo discorso, nella sua testimonianza si coglie ancora un senso di paura, di tensione e di ansia incalzante nel descrivere i luoghi del viaggio.

 

Aniello Langella – John Evelyn ed il meraviglioso spettacolo del Vesuvio – vesuvioweb 2020.pub

 

Discussione3 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Bellezze paradisiache che hanno affascinato uomini di tutte le epoche!

  2. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per un articolo molto interessante e bellissimi dettagli e foto dal Vesuvio. Mi interessa la botanica e le piante che popolano la lava. Riconosco Valeriana rossa (Centranthus ruber) e Stereocaulon vesuvianum, pino e nella foto a pagina 9 c’è una Genista aetnensis a fioritura gialla in alto e Rumex scutatus cresce sul pendio oltre alla Valeriana rossa.

    Saluti Jana

  3. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Lo scritto di John Evelyn,autore del seicento con propaggini nel settecento, è tra i primi ad aprire la moda del Grand Tour.Esso si segnala sia per le notizie sui personaggi storici e letterari del primo secolo dopo Cristo,sia per le informazioni sull’ ‘eruzione del Vesuvio del 1631,come il riferimento alla fonte Labulla,alle falde del vulcano,la visione dall’alto dei campi flegrei,l’accenno al vino Greco che gareggiava con il non meno famoso Falerno,considerato il top dai romani antichi ed ancora prodotto nell’area nord della provincia di Caserta,già Terra di Lavoro.Dalle poche pagine tradotte emerge la versatilità di Evelyn,autore di rilievo,ma ignoto.Un grazie a chi ce lo ha fatto conoscere.Aggiungo solo che il padre Vesuvio parla a tutti noi attraverso i secoli con diversi linguaggi;egli è fonte inesauribile di racconti,di storie,di messaggi…..

Aggiungi un commento