Nicola Amore, il migliore sindaco di Napoli

Inserito da: · dicembre 11, 2020

Nicola Amore, il migliore sindaco di Napoli 

Di

Umberto Vitiello “Vadim”

 

Di famiglia nobile di provincia, Nicola Amore (Roccamonfina 18 aprile 1828 – Napoli 10 ottobre 1894) studiò a Napoli, allora capitale delle Due Sicilie, e innamoratosi di questa città, vi rimase per quasi tutto il resto della sua vita, prodigandosi fin da giovane per renderla migliore. I pochi anni durante i quali si allontanò da Napoli sono quelli che, eletto deputato e nominato direttore generale della Pubblica Sicurezza, trascorse a Firenze, capitale d’Italia dal 1865 al 1871. A venti anni iniziò la sua attività di stenografo durata un biennio, 1848-1849, assistendo alle sedute del parlamento napoletano. Nel 1850, quando aveva da poco compiuto ventidue anni, si laureò in giurisprudenza e due anni dopo, l’8 agosto 1860, fu nominato giudice civile. Il 7 settembre di questo stesso 1860 Garibaldi giunse a Napoli e fu accolto come un liberatore. Nicola Amore si diede alla politica, aderendo al gruppo dei liberali moderati e unitari, detti “piemontesi”, e fu nominato segretario generale della questura di Napoli. Nel dicembre del 1862, quando aveva 34 anni, divenne questore e si occupò con ottimi risultati del brigantaggio, della camorra e degli intrighi borbonici e clericali contro l’unità d’Italia iniziata due anni prima. In applicazione della legge sulle Congregazioni del 3 agosto 1862 ordinò alla forza pubblica di sfrattare le suore del monastero della Sapienza e la Chiesa cattolica lo scomunicò. Nel 1865 fu eletto deputato nel collegio di Teano e si trasferì a Firenze, divenuta capitale d’Italia

Umberto Vitiello Vadim – Nicola Amore – vesuvioweb 2020

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

Discussione3 Comments

  1. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Più che opportuna la nota sulla biografia di Nicola Amore,brillante avvocato penalista,parlamentare della destra liberale e sindaco tra i migliori di Napoli.Un personaggio di solida e versatile cultura che andrebbe meglio conosciuto e studiato anche per il suo importante contributo all’unità nazionale.Proprio in tempi di coronavirus,al di là delle idee che,ognuno di noi,possa avere,contano gli esempi di coerenza ideale e pratica,di cui il Meridione è ricco.Conoscendo i sacrifici.le rinunce e l’impegno dei grandi del passato riusciremo a superare la drammatica stagione della pandemia che quotidianamente ci mette a dura prova.Sarebbe ora che la scuola,i media.non ultimo il revisionismo sudista parlassero di uomini,come Nicola Amore,che tanto hanno dato al nostro Paese.

  2. claudio ha detto:

    ma i fatti di pietrarsa dove fu un protagonista negativo?ricordo che il 6 agosto 1863 a pietrarsa persero la vita operai, la prima volta nella storia, che volevano difendere il posto di lavoro. andate a vedere chi effettuo la strage…per avesse voglia di documentarsi di seguito tutti gli articoli sull argomento

    https://www.altaterradilavoro.com/?s=pietrarsa

  3. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Ha fatto bene Claudio a ricordare i fatti drammatici delle Officine di Pietrarsa del 6_Agosto 1863,quando vennero uccisi dai bersaglieri del nuovo Stato unitario,sette operai che protestavano disarmati contro il piano di ristrutturazione delle Officine stesse che comportava il licenziamento di un numero imprecisato di lavoratori.All’epoca,come ricorda la biografia,Nicola Amore era questore,quindi direttamente o indirettamente ebbe le sue responsabilità.Fu suo l’ordine di sparare o iniziativa autonoma dei bersaglieri?L’inquietante episodio è importante per la verità storica di cui tutti dobbiamo essere gelosi custodi,nè deve essere strumentalizzato a fini antirisorgimentali.Rimane una macchia,un’ombra della straordinaria vita amministrativa,politica e culturale del sindaco di Napoli…,

Rispondi a claudio

Cancella risposta