Besbius, l’altra faccia del Vesuvio

Inserito da: · gennaio 12, 2021

Besbius, l’altra faccia del Vesuvio    

Di

Domenico Parisi

Tutti que’ che hanno scritto di questo  monte non ci lasciarono niente di certo in riguardo al di lui nome,  anzi di tante chiacchiere ed inezie infrascarono la cosa, che ci hanno restato nel bujo, ed or ce n’avvediamo, che del Vesuvio non ne sapevamo nemmeno il nome […] Ed in fatti ne’ secoli non tanto antichi par che abbiano fatto a gara quegli Scrittori in istorpiar il nome di questo monte, e quel che non poterono fare alle di lui furie l’han fatto al di lui nome.

Con queste parole Antonio Vetrani (1), nel suo prodromo vesuviano (2), apre il capitolo dedicato all’etimologia del nome Vesuvio. Pagine ironiche, argute e divertenti che hanno, però,  anche il merito di suscitare nel lettore odierno diverse perplessità, dal momento che, duecento e più anni dopo,  per quanto riguarda l’origine del nome,  la situazione non è ancora del tutto chiara.

Confermiamo, intanto, la cosa veramente curiosa, sottolineata non solo dal Vetrani. E, cioè, che la storia e la letteratura ci offrono una impressionante varietà nella denominazione di questo nostro monte: Besbius, Bebius, Besubim, Besvius, Hesbius, Vesbius, Vesubius, Vesebius, Vesulus, Vesurus, Vesevus, Vesuvius; tutti nomi sfornati da una schiera immensa di commentatori cui, certo, non faceva difetto la fantasia. Si potrebbe, a ragione, sostenere che, per un determinato periodo, hanno fatto più rumore le centinaia di “esperti vesuviani” che lo “sterminator Vesevo” medesimo. Lorenzo Giustiniani (Napoli 1761 -1824) che, essendo stato, tra l’altro, bibliotecario di quella che Minieri Riccio chiamava “Libreria Borbonica”, e sì che di libri per le mani deve essersene visti passare parecchi, annotava che, a tutto il 1793, si conoscevano almeno 160 scrittori “delle cose del Vesuvio”(3). Il Canonico della Cattedrale di Napoli Andrea Vincenzo de Jorio (Procida 1769 – Napoli 1851), Curatore del Real Museo di Napoli, nel 1835 segnalò una raccolta di oltre 300 dissertazioni sul Vesuvio tra fogli volanti, opuscoli ed opere, dei quali più di 100 erano state composte tra il 1627  e il 1632 (4) la maggior parte delle quali riguardava l’eruzione del 1631…

Domenico Parisi – Besbius l’altra faccia del Vesuvio – vesuvioweb 2021.pub

 

Aggiungi un commento