Il mare i Torresi e il Corallo

Inserito da: · Marzo 2, 2021

Il mare i Torresi e il Corallo

Di

Umberto Vitiello “Vadìm”

Nel biennio 1950 – 1970 Torre del Greco è la città d’Italia con il maggior numero di lavoratori del mare, legati alle grandi navi da passeggeri, da crociera e da carico. I marittimi superano le 30.000 unità, più di un terzo della sua intera popolazione e, eliminando minorenni e anziani che non lavorano, più o meno la metà della sua popolazione attiva. Oggi la situazione è profondamente mutata e dopo l’apertura ai mercati globali il settore marittimo riesce ad occupare non più di 6.000 lavoratori torresi. Nel biennio 1950 – 1970 l’altra metà della popolazione attiva di Torre del Greco è occupata in lavori agricoli, in piccole industrie, nell’artigianato, nel commercio, nei servizi e in due attività che riguardano anch’esse il mare: la pesca del pesce e la pesca e la lavorazione del corallo. Tutto è ineccepibile in questi vent’anni d’oro del lavoro marittimo e dell’agiatezza generalizzata che produce. Anche se non mancano naufragi con vittime di Torre del Greco, come quello dell’Andrea Doria della notte tra il 25 e il 26 luglio 1956. Il libretto di navigazione, ‘a libbrètta, è la garanzia d’un lavoro ben retribuito e possedere questo libretto quando si è celibe significa anche essere un buon partito. Per una buona parte delle Torresi il marito ideale è da tempo e resta tuttora l’uomo in navigazione, che alla famiglia non fa mancare nulla e a casa ci sta pochi mesi all’anno, devolvendo alla moglie piena autonomia decisionale su tutto ciò che riguarda non solo la gestione domestica, ma anche la crescita e l’educazione dei figli e il proprio modo di pensare e di agire.

Umberto Vitiello Vadim – Il mare i Torresi e il corallo – vesuvioweb 2021

Aggiungi un commento