Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – La lettera R – Da racchio a ruzzo

Inserito da: · Aprile 9, 2021

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

La lettera R

Da racchio a ruzzo

Di

Salvatore Argenziano

Refónnere: v. tr. Aggiungere, rimetterci. etim. Lat. “refùndere”, riversare.
*Basile. E dapo’ essere socciesso sto chiaieto tre o quatto vote, co refonnere sempre sceroccate de ’midia a la guallara de le sore, all’utemo tanto scervecaro ste brutte arpie che pe via de n’orca sapettero tutto lo fatto
*Basile. vennero tutti dui a le feste che se fecero, refonnenno grasso de allegrezza a lo pignato maritato de le contentezze loro, scompetanno tutte l’affanne passate,
*Cortese. Ma sai pe chi le sparpatea lo core? / Pe chi sospire e lagreme sbalanza? / Pe chi meglio refonne oro ed argiento, / Ca l’autre cose so’ cose de viento.
*Sgruttendio. Uno refonne a tommola li scute / A guaguine ed a perchie, / Che mente le refuste danno guste, / E po’ desguste, quanno no’ refuste, / E co mille coperchie / Te fanno torna’ l’ uommene papute.
*P. Sarnelli. fattole mettere no strappontino a chillo vascio, le faceva stare llà la notte, e lo juorno sempe le refonneva quarcosa pe no’ le bedere morire accossì sperute,
*D. Basile. Mò uno co na vista gioveiale, / Mo n’autro cò no tuocco de Manella, / Chillo che mme dace, è chiù refonne. / Te lo squascio, è facciole carrize: *Feralintisco. Chesto te l’accerto porzì io, pecché lo ’saccio de caosa scienzeia; e ’resto vasannote le mmano quanno le ’tiene chiene de Doppeie, che mme le ’puozze refonnere.
*G. Quattromani. Io non ce voglio refònnere la coscienza, e no ntenno d’accidere nesciuno primma de lo tempo; v’aggio ditto le cose comme ll’aggio trovate scritte, e de lo riesto non mme ne mporta na cùfece.
*Scarpetta. L’interesse non è stata maje la mia corda sensibile… Tengo st’unica figlia e pe farla contenta non fa niente che nce refonne quacche cosa da la sacca… Sposateve e lo Cielo ve pozza benedicere…
*Canzoniere Napoletano. Ma dich’io, che ce refonne / si mme manna ’o vino a Pasca? / E si no, po’, ’a veritá, / non c’è proprio dignitá!
*R. Bracale. Naturalmente senz a foca ’ncanna, / pavanno ’o gghiusto, senza ca me sporpo, / senza ca ce refonno e acqua e rranno…
*G. Francione. No, no. Si è comme l’autra vota ca me faciste accattà a jatta fore ’o sacco, e nce aggio refonnuto 200 quatrini io me ne vaco. Eh vaco a piscià pur io…

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – R – Da Racchio a Ruzzo – vesuvioweb 2021

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Aggiungi un commento