Pico della Mirandola. Un poco, ma poco, di storia locale, a proposito di Dignità

Inserito da: · Maggio 1, 2021

Pico della Mirandola. Un poco, ma poco, di storia locale, a proposito di Dignità

Di

Francesco Raimondo

 

Il giovane Pico nel suo “viaggio” certamente avrà contattato personalità del mondo ortodosso che, fuggitivi dalla patria “ormai perduta”, avevano trovato sulle sponde dell’Italia meridionale la nuova patria come Enea che fuggì dalla combusta Troia. Avevano perduto la Guerra, la Patria, ma non la Dignità. Quest’ultima se la portavano appresso come Enea il padre Anchise ed il figlioletto Julo: Passato e Futuro. Ma guardando più dappresso sa dove mai veniva fuori questo concetto di Dignità? Da un nuovo modo di leggere i testi sacri fondanti il Cristianesimo? Pare proprio di sì. La filosofia platonica, che non era stata trascurata dalla cultura greca-ortodossa, dava queste indicazioni che erano ancora più sentite in questo nuovo scenario storico. E così l’Uomo torna al centro dell’indagine filosofica e si annodano fili di matrice cristiana con la purezza del “Conosci te stesso”. L’interpretazione dei precetti del Dio giudaico-cristiano non contraddice il pensiero del mondo classico anzi in esso trova una nuova esplosiva forza propulsiva. Ritornano a galla i concetti di Armonia Universale già conosciuti e perseguiti ad Atene quanto a Roma…

Francesco Raimondo – Pico della Mirandola – Un poco, ma poco, di storia locale – vesuvioweb 2021.pub

 

Discussione2 Comments

  1. maria ha detto:

    Salve amico caro,grazie per il suo laboro,chiaro preciso.

    cordialmente MARIA

  2. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Le pagine,riportate su Pico della Mirandola,si leggono con piacere per il quadro storico e per la leggerezza del tono narrativo.Il grande umanista, dalla “mente inquieta”,come viene definito dal filosofo Massimo Cacciari,fu apprezzato dalle varie corti italiane,non ultima quella di Napoli,al tempo di Ferrante d’Aragona.Più che parlare di Gran Tour,ante litteram,parlerei di mecenatismo diffuso nell’Italia del Quattrocento: intellettuali ed artisti passavano da una città all’altra,da una corte all’altra,sponsorizzati dai Vari Signori che ambivano contemporaneamente al dominio economico,artistico e culturale. Siamo ad una stagione irripetibile della storia nazionale.Interessante sapere che Pico della Mirandola ha soggiornato a Napoli,ma non si è spinto oltre,come,invece ,si verificava nei secoli successivi. Sorvoliamo sulla statura intellettuale dell’autore del “De hominis dignitate” che certamente ha passato un periodo sereno alla corte aragonese.Peccato che sia morto prematuramente.Interessante anche la figura di Mons, Salvatore Garofalo,biblista d’eccezione,aperto agli interessi culturali più vari.Un grazie a chi si è preoccupato di fornire un poco,ma poco si storia locale che,però,illumina spesso la grande storia…

Aggiungi un commento