18 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Purchiacca e Currivo

Inserito da: · gennaio 14, 2012

La glottologia affronta forme e significati di qualsiasi lemma, anche di quelli insoliti o scabrosi: appunto scopo dell’etimologia è non solo la ricerca della “verità autentica” in seno alla fono-morfo-semantica, ma anche l’iter attinente all’origine e alla storia delle parole.

PURCHIACCA / PUCCHIACCA

Domenico Morelli (1823-1901)

18 Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Purchiacca e Currivo – vesuvioweb

Collaterale dei comuni “fessa (dal participio passato di “findere = spaccare”) e fica” (forse metafora che allude alla dolcezza del frutto e del gusto… sessuale), questo lemma, anch’esso col significato di “vagina, vulva”, di solito viene assurdamente spiegato con un richiamo al greco “pÿr = fuoco”, che -a parte per evidenti motivi semantici- soprattutto non rende ragione né giustizia fonetica a tutta la seconda parte del lemma, che rimane priva di propilei inerenti e coerenti. Noi siamo di ben diverso avviso, sembrandoci che esso poggi su un ibrido latino-greco di natura tautologica,1 perché probabilmente formato da “porcus” in senso anatomico (= genitali d’una giovane donna) e gr. “koleós = vagina”: quindi *porco-koleo-acca (suffisso riduttivo non frequente in napoletano ma presente in “vigliacca, zambracca”…). Un’aplologia2 e una sincope propiziarono gli ulteriori stadi formali *por-kle-acca e *porkljacca, da cui purchiacca / pucchiacca, giacché l’atona “o > u”, “klj- > chj-” dopo consonante e “r + consonante” subí la normale assimilazione regressiva (“rch > cch + vocale”) com’è in pecché = “perché” e in altre assimilazioni analoghe: cfr. “excerpere > *(e)scerpare” > scippà = “portar via, sottrarre con un violento strattone”, “mors-ic-are > *murz-ic-are > muzzecà = “morsicare”e diminutivo *soric-ula-m > lat. volgare *sorcula- > zoccola.

Aggiungi un commento