19 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane. Víppeto

Inserito da: · gennaio 14, 2012

Ci soffermeremo su tre lemmi verbali di tipo participiale, due dei quali in apparenza eguali nella struttura terminale, ma che tuttavia presentano una caratterialità diversa nella ricostruzione di fondo. VÍPPETO (= bevuto) – Tale participio passato sdrucciolo da “vévere” (risalente al latino “bíbere”) si presta a una duplice ricostruzione morfo-etimologica. a) È probabile che il participio latino “bíbitu(m)” abbia subíto la sincope della penultima vocale breve ed atona *bíbb(i)tu(m), innanzitutto risultante con la doppia consonante labiale “-b-” intervocalica com’è spesso tipico del nostro dialetto (cfr. i debiti > ’e diébbete / ’e riebbete; subito > subbito)1.

 

19 Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Víppeto – vesuvioweb

 

 

Si sarebbe quindi profilata l’omorganizzazione con l’esito *vippto,2 onde l’inserimento della vocale epentetica di suono evanescente per propiziare la pronunzia: víppeto. b) Ma c’è un’altra congettura di ricostruzione, partendo dallo stesso participio “bíbitu(m)”: ecco la solita sincope *víb(i)tu(m), onde anche qui *viptu(m) per il suddetto fenomeno dell’omorganizzazione e poi *vípeto con la labile vocale epentetica. Ne consegue il raddoppiamento della consonante nella penultima sillaba, ma questa volta secondo la tipicità delle parole sdrucciole di sviluppo parlatopopolare sia nel nostro dialetto che nel fiorentino-italiano: oltre alla piú analoga eco di “lapis > làppese”, ecco anche “fémina(m) > fémmena, *hòmini > uómmene, lègere > lèggere, pàrochu(m) > pàrroco, públicu(m) > púbblico” ecc.

Aggiungi un commento