20 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane. Napoletano, lingua o dialetto?

Inserito da: · gennaio 14, 2012

È noto che molti, forniti di fervoroso e ostinato spirito municipalistico, classificano la parlata napoletana come una “lingua”, etichetta di fronte a cui esterniamo i nostri dubbi, pur consapevoli di suscitare forse un vespaio. a) Prima obiezione: perché siamo soliti definire “dialetto” (e non “lingua”) il romanesco, il milanese, il genovese, il veneziano ecc., e invece dovremmo valutare diversamente il linguaggio tipico della città cara alla ninfa Partenope?

Tavola Strozzi del secolo XV. Napoli vista dal mare.

20 Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Napoletano, lingua o dialetto – vesuvioweb

Del resto come giustificare – se non come ravvisandovi due ben differenti possibilità linguistiche- che in ogni regione esiste una dicotomia espressiva fra l’uso corrente e istintivo del dialetto di contro al piú pretenzioso ricorso alla cosiddetta “lingua italiana”? b) Fondamentale è poi il significato di “lingua”, che presuppone un estensivo concetto geograficamente ampio e unitario, garante d’un uso colloquiale e d’una comprensione scrittoria comuni e completi nell’intero arco della penisola da parte di tutte le generazioni, laddove il dialetto ha restrizioni di spazi e del numero di utenti.1 Pertanto, anche se forse non può disconoscersi che il napoletano ha una diffusione geografica e conoscitiva maggiore rispetto agli altri dialetti (in base al teatro, al cinema e alle canzoni), tuttavia non gode della fondamentale fase dell’uso “parlato” di tipo comune nell’arco peninsulare, per cui si arrocca in un’espressività del tutto e solo regionalmente settoriale.

 

 

Aggiungi un commento