Alberto Mirabella – ’O presèbbio ’e mast’Aniello ’o scarparo e ’a festa ’e Natale r’i tiempi passati

Inserito da: · gennaio 28, 2012

I miei ricordi vanno agli anni del secondo dopoguerra a Sarno, esattamente agli anni Cinquanta, quando questa ricorrenza era molto sentita soprattutto dal punto di vista religioso. Non c’era famiglia che non preparasse in casa un presepe con pastori rigorosamente di terracotta che per la loro fragilità negli anni finivano per diventare spesso mutilati di qualche dito o arto. A casa mia, ubicata in via Cavour, per mio padre Aniello la costruzione del presepe costituiva un’occasione particolare per poter estrinsecare tutta la sua creatività.

Alberto Mirabella – ’O presèbbio ’e mast’Aniello ’o scarparo e ’a festa ’e Natale r’i tiempi passati – vesuvioweb

Egli era artigiano calzolaio come il nonno Alberto, e creava le scarpe ex novo su misura, tagliando la tomaia che poi mia madre Sisina cuciva su macchina Singer (’a màchina p’arrevettà).

info@vesuvioweb.com


Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Presepio e pastori

Aggiungi un commento