Raffaele Bracale – Totonno ‘e quagliarella – Viaggio dentro il Dialetto Napoletano & Dintorni

Inserito da: · febbraio 4, 2012

Il destro, questa volta, per talune note linguistiche su voci della lingua napoletana, me lo fornirà il testo di TOTONNO ‘E QUAGLIARELLA una delle più vivide e dense composizioni poetiche di Giovanni Capurro, il famosissimo poeta autore dei versi de ‘O SOLE MIO la canzone che musicata (1917) da Eduardo Di Capua (1865 – 1917) porta ancora bellamente in giro per ilmondo, a circa un secolo dalla sua nascita , la voce e l’emblema di Napoli.

Raffaele Bracale – Totonno ‘e quagliarella – Viaggio dentro il Dialetto Napoletano & Dintorni – vesuvioweb

Il testo di Totonno ‘e Quagliarella fu scritto da Giovanni Capurro nel 1919, e musicato subito da Francesco Buongiovanni, fu interpretato per la prima volta da Peppino Villani (cantante ed attor comico famosissimo in quegli anni) e in questa canzone c’è una filosofia un po’ amara ma realistica sull’ esistenza umana, ma tuttavia si avverte in essa una morale positiva ed un’energia vitale. Il protagonista Totonno è infatti un ubriaco filosofo che sebbene abbia subìto diverse sventure, non si abbatte, ma si accontenta di quel poco che la vita gli offre e, di fronte alle innumerevoli difficoltà dell’esistenza, adotta la tecnica “dell’arrangiarsi”, che poi è una concezione di vita tipicamente napoletana. Secondo un aneddoto Capurro scrisse la canzone Totonno ‘e Quagliarella dopo aver conosciuto un singolare avventore in una taverna di Napoli, il quale mostrava degli atteggiamenti un po’ strani. Còlti ed annotati detti atteggiamenti, Capurro li riportò in versi amari e ricchi di umanità, versi che Francesco Buongiovanni rivestì di note che si prestavano ai recitativi di Peppino Villani e più ancora dell’immenso Raffaele Viviani che dal 1920, anno della morte di G. Capurro, fece di Totonno ‘e Quagliarella uno dei suoi cavalli di battaglia. Prima di riproporre il testo e la traduzione della canzone, annoterò brevissimamente qualche dato degli autori.

Aggiungi un commento