“Torna a Surriento”, uccide – Di Aniello Langella

Inserito da: · marzo 8, 2013

Dal Divano di Sigmund

“Torna a Surriento”, uccide

Lezioni di mandolino

Di Aniello Langella

 Il nonno suonava il mandolino, mi aveva detto mio padre e mio padre stesso aveva intrapreso la stessa strada, con la differenza che il primo lo faceva per mestiere, mentre il secondo per diletto. Il nonno che aveva lunghi baffi bianchi, ingialliti sulle punte a causa del sigaro, aveva iniziato quell’arte tra i tavoli delle due trattorie del porto. Lo chiamavano ai matrimoni e lui, a quanto mi raccontano, era diventato un asso, destreggiandosi tra repertori classici e invenzioni sentimentali e anche patriottiche. Proprio così, patriottiche, perché lui…

Torna a Surriento, uccide – Di Aniello Langella

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I fattarielli di Aniello Langella

Discussione1 Comment

  1. maria ha detto:

    Sigmund Freud – Il leggendario divano svela tutti i segreti – Christian Moser

    Una biografia illustrata irriverente e ironica, piena di aneddoti sorprendenti e dettagli sconosciuti ai più è quella che il saggista disegnatore tedesco Christian Moser, classe 1966, ha dedicato al padre della psicanalisi. Per sbirciare nella vita di Freud, Moser ha scelto il celebre divano sul quale, a partire dal 1890, si sdraiarono decine di pazienti. Trasformato in soggetto parlante il divano racconta la giovane passione del maestro per Darwin, che lo indusse a buttarsi a capofitto nella zoologia e a sezionare decine di angulle vive nella stazione sperimentale di Trieste, prima di passare alla medicina. Poi svela l’insana passione di Freud per la cocaina e le prime terapie sulle pazienti “isteriche” a base di massaggi, bagni ed elettroterapia. Finalmente arriva l’intuizione della psicanalisi, centrata sul disvelamento di nevrosi sessuali, che la moglie Martha non esita a definire “pornografia”. Ma le terapie funzionano, se perfino Gustav Mahler lo chiama per risolvere i suoi problemi di talamo, e gli allievi aumentano. Tra questi un certo Jung, svizzero e cristiano, che il maestro indica come successore. Ma con qualche ansia: pare che in più di un’occasione, nel corso di aspre discussioni, Freud sia svenuto.
    *******Gentilissimo Aniello***************

    —-Torna a Surriento………non uccide mai..é poi maiiii
    —–il solo accorde ti da la VITA.
    ……Che dirte poi se la dolcezza del mandolino,
    —–in una notte mediterranea,al chiaro della bella tonda luna…
    —–si fa sentire ………la melodia sveglia l’humore,la passione..
    —–ed ovunque parte del mondo ove tu stia…colui che lo sente,
    —-s’innamora………suspira dicendo….aaahhhhNapule…..
    —-aaahhhnapule mia ‘e che si fatte?se non che di musica..
    …..solo chi non ha sangue nelle vene ….muore..
    …..chi porta nelle vene L’Italia sia del nord sia del sud
    —–gli occhi chiude ,godendo megio il nettare degli dei e delle sirene ,
    —–come Ulisse, ritorna e Itaca….nelle braccia di Penelope!
    ——cordiale saluto :grazie…per minuti lí sono stata…..

    Maria (arg)

Aggiungi un commento