Mo vène Natale di Giovanni D’Amiano

Inserito da: · dicembre 22, 2013

…S’ ‘int’a na casa nun ce sta ‘o Presepio,
comme nce pô mmaje nascere ‘o Bbammino?
Cu ll’albero, addó nasce mmiez’ê ffronne?
pugnuto, annuro, ’a meliune ’e spine?

icona d'amiano natale 1

Ce vo na cunnulella appriparata
tutta vammace, e ppietto ’e latte doce,
nu core ’e mamma gruosso, rassignato
a ssapé ’o figlio sujo ca more ncroce.

Mo vène Natale – Giovanni D’Amiano – vesuvioweb 2013

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Giovanni D'Amiano

Discussione4 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Canti del cuore, veramente belli!

  2. maria ha detto:

    Grazie,sereno Natale,

  3. Angelo Siciliano ha detto:

    Un breve florilegio di sette poesie natalizie. Diverse per umore e intendimenti da sembrare il compendio di una raccolta più corposa. Ma si sa i versi non sono prosa, sanno cogliere in un breve volger di parole un anno che se n’è andato: acciacchi che si sommano, e che lo sguardo indagatore della consorte rende più gravosi. Poi il latte di una madre, la Madonna, amorosa e rassegnata nel presagire il supplizio del proprio figlio. E l’odore fragrante dei mandarini, che annunciavano il Natale di una volta. Poi i bagordi che le feste comportano: cose che fanno pensare per i nuovi poveri. E ancora, sempre i botti: il Bimbo si spaventa e la Madonna si avvelena il latte. Di botti non ce n’è proprio bisogno, non vanno lasciati nemmeno alle guerre e alla malavita organizzata.

    • Giovanni ha detto:

      Un grazie agli Amici che hanno gradito le poesie qui impaginate meravigliosamente dal grande Salvatore, rappresentazione che, certamente, ne ha esaltato il contenuto. Premetto che io sono ateo, ma ciò non limita il valore dell’evento NASCITA anche soltanto in chiave umana. Da cui la mia predilizione del PRESEPE invece dell’albero, quale simbolo del Natale. Le osservazioni sul tempo e sui botti implicano una mia filosofia di vita che nasce dalla consapevolezza d’essere inseriti semplicemente nel ciclo biologico che, per definizione, presenta un INIZIO e una FINE, per il fattore tempo, e dal mio “odio” verso la violenza e la guerra, per il fattore “fuochi d’artificio”, fragorosi e pericolosi. Ringrazio Angelo per l’approfondito commento, che confermo in toto. Grazie, Amici, e sereno e proficuo 2014 a tutti.

Aggiungi un commento