Marco Pino e i dipinti ritrovati

Inserito da: · novembre 14, 2014

Marco Pino e i dipinti ritrovati

Di

Carmine Zarra

Icona PINO1

Marco Pino

… La ricchezza e l’importanza di cui l’abbazia fu dotata è documentata e ricordata in qualche fonte: il monastero certamente per la strettezza del sito è molto ben acconcio, ma la chiesa, benché piccola, per la vaghezza delle pitture, particolarmente di una di Raffaello d’Urbino, supera di gran lunga molte altre grandi che abbiamo. E forse il marchese del Carpio fu messo sulle tracce del dipinto proprio da questo elogio…

Napoli, fine 1544.
L’arrivo di Giorgio Vasari influisce sulla produzione artistica del tempo: la pittura si avvale di formule più moderne maturando temi già sviluppati in Toscana e nel resto dell’Italia centrale, alla “maniera” michelangiolesca. Ma si tratta di un’influenza che si andava consolidando dal 1532, quando Eleonora de Toledo – figlia di Pedro de Toledo, viceré di Napoli – sposò Cosimo dei Medici, il granduca di Toscana. Il legame tra la famiglia dei Medici e la corona spagnola aveva rafforzato e incentivato scambi culturali tra Firenze, Napoli e la Spagna, costituendo, per Napoli e i regnicoli, un fecondo
periodo nel panorama pittorico di primo Cinquecento, ormai avviato alla “maniera moderna”.

Aggiungi un commento