L’America – La Meglio Giuventù

Inserito da: · dicembre 6, 2014

“>

Di Salvatore Argenziano al nuovo album, La meglio Giuventu`.

Lieti itinerari della memoria
percorsi con rasserenante nostalgia
da chi dalla sua terra s’è allontanato un giorno,
ed ora rivive profumi e immagini e luoghi
e voci familiari della sua gioventù
tra ragazze formose e belle, restie all’amore
al tempo che la fica vulumbrella s’ammatura
e feste matrimoniali sottomarine
di un alliccato guarracino
nnammurato di una sardella smorfiosetta
con quadriglia finale e parapiglia a ppisci fetienti .
Ben presto torna l’agreste quiete, nell’attesa
di un incontro furtivo d’amore sperato
e di passione non corrisposta,
per te, villanella ch’all’acqua vaje
come stella lucente più del sole
madonna padrona del cuore
posta all’altare della devozione
per essere invocata, nenia antica
nel silenzio della cuntrora estiva,
come nella tradizione paesana
alla Santa Madonna dell’Arco
mentre canti della tradizione popolare
dalle sponde opposte del Sud
da ponente a levante si alternano
in un contrappunto di suoni e sentimenti,
di speranze e delusioni nella vana attesa,
tradimenti temuti e ripicche
per l’amato lontano in America
che si stempera nella omofonia atavica
del canto all’unisono della comune terra
u lupo s’ha magnato a pecurella
della Ninna Nanna di Carpino.

E quando, agli albori del Cinquecento,
nasce la stampa musicale e la musica si diffonde,
dal Nord vengono a Napoli musicisti
attratti dall’aria musicale nuova
e trascrivono e diffondono, salvandole dall’oblio,
villanelle e musiche dei “masti abballaturi”
e la primigenia tarantella napoletana di Sfessania
carnevalesco ballo della vecchia
riceve una dotta trascrizione per chitarrone
e il Colascione, da popolare, assurge al rango
di antico strumento nobile, quale il liuto.

La villanella, canto popolare del contado,
giunto in città dalla campagna e dal mare
risuona nell’appassionato canto d’amore
per la procidana figlia de nu marinaro
e tanto è crudele il distacco dall’amata
quanto il perdere la dolcezza dell’aria marina
quando l’amante è riamato ma,
si li femmene purtassero la spada
la loro crudeltà per lo spasimante sgradito
aggiungerebbe ferite di lama al corpo
alle ferite d’amore del cuore,
e questi risponde con scellerato augurio,
il mio desiderio è la morte de mariteto
per prendere il suo posto perché bella così
non posso trovare altra e le tante bellezze
che la donna porta, da una fronna esaltate,
non possono andare disperse al vento
ma date in godimento agli amanti
e condivise con fraterno umano spirito
nella gioia di una natalizia tammurriata
di una tarantella di Santa Lucia.

Note;
1 A ppisci fetienti: a pesci in faccia, in malo modo.
2 Johann Hieronymus Kapsberger, italianizzato Giovanni Girolamo Kapsperger (Venezia, 1580 circa – Roma, 1651), è stato un musicista e compositore tedesco attivo in Italia (nato da padre austriaco e madre veneziana). Il suo soprannome era “il tedesco della tiorba”.
3 Masti abballaturi. Così erano chiamati i musicisti e cantanti del Cinquecento perché per il ballo, principalmente, svolgevano la loro attività. Infatti gli strumenti di questa antica “pusteggia” erano tamburelli, nacchere e calascione.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I video e i filmati del Vesuvio

Discussione1 Comment

  1. Falato Silvio ha detto:

    Da noi la donna tradita dal marito “americano” rende pan per focaccia nella seguente maniera: “Le cjentecenqwanta lire ke m’aje mannate me l’agge magnate e veppete, me l’agge magnate e veppete ku re kumpare”. Bellissima e struggente! Complimenti.

Aggiungi un commento