Lucrezia D’Alagno Regina di Somma – Il Castello di Casamale

Inserito da: · ottobre 11, 2015

Di

Aldo Vella

…  Nel gennaio 1461 Ferrante assediava Somma e Lucrezia si rifugiò nell’antica inespugnabile Rocca Alta lasciando che le truppe reali saccheggino il Castello nuovo. Ferrante lasciò una guarnigione a sorvegliare Lucrezia, alla quale non rimaneva che cedere Somma all’angioino conte Jacopo Piccinino e rifugiarsi a Nola al quartier generale di questi, per poi seguirlo nel principato di Taranto. Passò poi, attraverso la Dalmazia, a Venezia, dove cerca dal doge mediazione col re di Napoli per riavere i suoi possedimenti. Ferrante le voleva concedere Otranto, ma ella rifiutò con sdegno. L’anno della sua morte, il 1479, la vedeva a Roma, l’ultimo suo esilio. Fu sepolta nella Chiesa della Minerva, ma il suo sacello è scomparso  …

icona lucrezia1

Aldo Vella – Lucresia D’Alagno Regina di Somma e il Castello di Casamale – vesuvioweb 2015

 

Discussione1 Comment

  1. Marie ha detto:

    Borgo murato del Casamale e cinta muraria aragonese
    È un bel quartiere ricco di testimonianze dell’epoca medievale, con chiese, palazzi, archi. È l’unico esempio d’inserimento di un agglomerato urbano nel perimetro del Parco Nazionale del Vesuvio, tanta è la sua bellezza e importanza storico-architettonica. Dovrebbe risalire già al medioevo, al periodo del Ducato di Napoli. L’attuale cinta muraria fu sistemata nel 1467 da Ferrante I d’Aragona, che aveva ben valutato la sua importanza strategica per la difesa di Napoli. Per questa sua rilevanza militare, il borgo fu demanio della corona. Quel tracciato aragonese è oggi quasi tutto visibile. Lungo 1.300 metri, posto tra i 180 e i 220 metri sul livello del mare, alto all’incirca otto, con torri cilindriche costruite con la pietra vesuviana, la parte superiore, con merlature e camminamenti, è andata distrutta. La parte da visitare è quella dell’antico maschio aragonese (oggi convento dei Padri Trinitari). Quattro porte davano l’accesso alla città: a nord la porta San Pietro, ad ovest quella Formosi, a sud la porta del castello e quella di Tutti i santi ad est. Nella parte antistante le mura che guardano alla pianura ci fu anche un fossato, mentre ad est l’alveo fosso dei leoni e ad ovest quello Cavone, isolavano la cinta……………..cordiale saluto

Aggiungi un commento