‘O sole mio

Inserito da: · settembre 30, 2016

Enrico Caruso canta ‘O sole mio

icona sole

https://archive.org/details/EnricoCaruso11OSoleMio

Graffito musicale

Cosa dire, è un classico. Il brano sembra registrato dal vivo in un ambiente dove si sentono voci e rumori di fondo. Una dama che ride, suoni di bicchieri che si urtano e tintinnano, rumori di posateria. Sembra quasi una esibizione live registrata all’interno di un sala ristorante. Il graffiato sonoro, la voce stupenda del tenore e l’ambientazione acustica, fanno di questo brano una vera chicca.


Mio padre, guardiamarina dislocato a Mari Morea Patrasso durante quella schifezza abominevole, che fu l’ultimo conflitto mondiale, venne catturato dai tedeschi e su un convoglio, assieme ad altri commilitoni, fu portato al campo di concentramento di Katovice in Polonia. Dal sole alle fredde nebbie. Lì rimase fino alla liberazione. A questa seguì un lungo viaggio di rientro nella sua terra natia: prima Berlino, poi Monaco, seguì Torino ed infine giunse a Torre del Greco dove riabbracciò mia madre Margherita, che nel frattempo dalla Grecia aveva tentato di sposare per procura. Perchè vi racconto questa storia? Sarebbe complesso rievocare i giorni della prigionia di un vesuviano a Katovice ma per essere coerente al tema musicale, accennrò solo ad uno dei tanti momenti della vita dell’orribile capo di sterminio che in maniera diretta è legato al tema di questa musica. Nella baracca, dove vivevano (si fa per dire) gli ufficiali traditori italiani, c’era un tenente che nella vita esercitava il mestiere di maestro d’orchestra e, a quanto pare lui di musica se ne intendeva parecchio. Una sera, e questo è stato il racconto di Leonardo, mio padre, il musicista ufficiale di marina intonò, costruendosi in piena guarra un coro, nientemeno che la celebre canzone di Eduardo di Capua su versi di Giovanni Capurro: ‘o sole mio. Il canto al quale parteciparono tutti i detenuti italiani, siano stati essi del nord del centro o del sud Italia, varcò in breve le pareti di legno della baracca e richiamò due SS, che si trovavano nei paraggi. Questi aprirono la porta facendo un gran rumore per le ante sbattute, entrarono e stettero ad ascoltare impettiti e in piedi quella canzone, che nel frattempo incurante dell’intrusione aveva superato il perimetro dell’alloggio e per la porta spalancata aveva guadagnato anche gli spazi esterni. Fu a quasi la metà dell’esecuzione che i due entrarono con voce stonata, tra le note della lirica, cantando anch’essi, ma con parole tedesche. Fece stupore quell’intrusione e destò meraviglia che i due conoscessero la nota melodia napoletana. Terminato il canto corale, che intanto aveva riscaldato i cuori e l’intero campo, in quell’ultimo sta ‘nftonte a tté, le due guardie del campo applaudirono assieme a tutti gli altri e fu lungo quell’applauso. Uno dei due poi piazzatosi al centro della baracca, in ligua sua ringraziò per la bella esecuzione e la selta di quella canzone tedesca. Non piacque quell’ultima nota, quella frase nella quale il soldato asseriva che quella era una deutsch song e che tutti in germania conoscevano come Meine Sonne. Per fortuna non tutti compresero la frase di quel soldato del campo di sterminio di Katovice. Uscirono richiudendo le due ante della baracca e canticchiando ancora il ritornello ripresero il giro di ronda. Accadde anche questo durante quella schifezza abominevole, che fu l’ultimo conflitto mondiale.

Di Aniello Langella

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La canzone napoletana

Discussione2 Comments

  1. mari ha detto:

    Che bella cosa na jurnata ‘e’ sole
    N’aria serena doppo na tempesta
    Pe’ll’aria fresca pare gia’ na festa
    Che bella cosa na jurnata’e sole.

    Ma n’atu sole cchiu’ bello, oi ne’
    ‘o sole mio sta nfronte a te!
    ‘o sole o sole mio
    Sta nfronte a te … sta nfronte a te.

    Quanno fa notte e o sole se ne sene,
    Me vene quase na malincunia.
    Sotto a fenesta toia restaria,
    Quanno fa notte e o sole se ne sene.

    Ma n’atu sole cchiu’ bello, oi ne’
    ‘o sole mio sta nfronte a te!
    ‘o sole o sole mio
    Sta nfronte a te … sta nfronte a te………………………..grazi e

  2. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per questa bella canzone napoletana
    O sole mio, che porta gioia e sole nei nostri cuori oggi.

    Salute Jana

Aggiungi un commento