Chiesa Rettoria dell’ Eremo del Santissimo Salvatore

Inserito da: · novembre 18, 2016

Album fotografico di Marcello Erardi

Ricerca bibliografica di Aniello Langella

Prima eravi una diruta chiesa abadiale intitolata al Salvatore; S. Gaudioso l’edificò, dicesi, per un prodigio ivi avvenuto. Il predio apparteneva a Giambatista Crispo e sì esso, che Carlo Caracciolo e Giovanni d’Avolos permisero, sendo il santuario quasi abbandonato, che vi si innalzasse la nuova chiesa sotto l’invocazione di s. Maria Scala Codi; trasse tal nome dalla scala veduta da’ solitari, quando volò al cielo il patriarca s. Romualdo. Il monte è propriamente detto Camaldoli; perchè fin dal 1585 v’ebbero stanza i camaldolesi, ciascuno de’quali ha nell’eremitaggio più cellette, un oratorio da celebrare, un giardinetto; tutto spira ritiratezza e povertà, evi s’ammira una incomparabile nettezza. Gli eremiti professan la regola di S. Benedetto, ma osservan la riforma del predetto Romualdo.

icona camaldoli

Chiesa Rettoria dell’Eremo del SS. Salvatore – vesuvioweb 2016.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

Discussione1 Comment

  1. mari ha detto:

    “Suore di Santa Brigida”

    Eremo SS. Salvatore
    Via dell’Eremo 87
    80131 Camaldoli NAPOLI
    ITALY
    Tel +39081 5872519 / +39 081 5875807
    Fax +39 081 5876819

    suore santa brigida_0006.jpgL’Eremo del SS. Salvatore è stato fondato nel 1585 su una collina (metri 485) da cui si gode un bellissimo panorama di Napoli, del suo golfo e della penisola Sorrentina. E’ stato sede, per 400 anni, dei benemeriti monaci Camaldolesi, fondati da San Romualdo, che con la loro vita santa, eremitica e cenobitica hanno dato al luogo un’impronta ascetica e mistica che continua ancora oggi ad attirare uomini, donne e soprattutto giovani in circa del sacro. Il complesso monastico rispecchia i canoni dell’architettura cinquecentesca del tardo rinascimento campano.

    La chiesa barocca ha dipinti e affreschi di importanti pittori (XVII sec.): Luca Giordano, Massimo Stanzione, Andrea Mozzilli e federico Barocci. La Chiesa è aperta al culto pubblico e le Suore invitano tutti coloro che lo desiderano a partecipare con loro alla Messa, alla preghiera delle ore (Ufficio Divino), all’Adorazione Eucaristica e a momenti di incontri spirituali.

    Esse offrono accoglienza tutto l’anno e ospitano singoli e gruppi di ogni età, nazionalità e confessione. Il loro scopo principale è quello di creare un centro culturale e spirituale perché ogni singolo o gruppo possa trovare l’armonia con se stesso, con Dio e con i fratelli.

    CamaldoliOltre all’antica foresteria principale, con ampie camere che si affacciano sul Belvedere, ci sono anche 16 celle e gli orti dei monaci, che internamente restaurate offrono a chi lo desidera un clima di pace e serenità. Tutte le stanze sono dotate di wc, doccia, telefono e riscaldamento.
    L’edificio è dotato di due sale mensa, sala di ritrovo e lettura, una biblioteca, una sala convegni, facilmente accessibile con ascensore……………….Potete prenotare……………………………….
    Nello grazie per la ricerca saluto cordiale

Aggiungi un commento