Carte sudate e no

Inserito da: · febbraio 11, 2017

Di

Ciro Adrian Ciavolino

Non ho una fraseologia tecnica più o meno prevedibile, come hanno, un esempio, quei tempestivi cronisti sportivi che cominciano a scrivere dalla tribuna stampa nelle cui vetrate, a vederli, sembrano polli in batteria sul becchime, i quotidiani hanno le loro urgenze, il cronista deve chiudere in un’ora, poco più poco meno, è la stampa bellezza. Per questo io ho più tempo anche se talvolta mi riduco agli ultimi giorni per trovarmi un tema.

icona carte1

Ciro Adrian Ciavolino – Carte sudate e no – vesuvioweb 2017.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Ciro Adrian Ciavolino, Storia e cultura

Discussione1 Comment

  1. mari scrive:

    Purtroppo non sono più sul campo gli Aniello Langella,
    i Franco Formicola, gli Enzo Aliberti, i Roberto Esposito
    ed altri ancora, che come talpe si sono infilati nei nostri
    sottosuoli e hanno scavato, hanno cercato, hanno trovato.
    Hanno scritto. Hanno fatto storia viva.
    Che nessuno conosce più. …………….
    …….GENTILE CIRO:….Hanno fatto storia vivache nessuno conosce pú……debbo dirgli che sento molta amarezza nel suo ricciamoverso quelle oppure queste carte sudate,,,dal dolor?sudate forzze per un cuore malato che trova sffogo nello srivere facendone dal dolre tutta una intera fiorita lettura per colui che líntendera?chi lo sa?parlando del carissimo Giacomo non vi sono mai state delle toppe ove interrate vi siano restate….anche da sotto terra emanano il loro beato profumo che ne fa gloria aale ginestre a Torre del Greco al suo napoletano amico che diede tanto ma tanto allúomo al poeta allo scrttore..al massimo sponemte della nostra amata lingua …..Caro Ciro le carte sudate o nooo.quando prendono lária sono gía diventate poesie….che poi il suono ed il canto di qualunque lettore ne fara dono……..Alla Luna …A Silvia cantiche che mai resteranno sotto nessun suolo(faccio nome di codeste pero aggiungo tuttoa la vita e la storia di qualsiasi poeta ,scrittore )inzzoma quel che dal suo dolore sempre fa ed fara storia ed solo saimo vivi se in mente abbiano la nostra soria e le tante storie…..altrimenti fossimo degli allienati………..Lo si rispetta ed si ringrazie per farci dono del suo sentire in codeste carte sudate o no…che se cosi fossino gia diventate sono *fiore **che seccate pure sarranno sempre vivi….basta saperle sentire lária pura quella incontaminata dellálba lo far{a sempre ………………….grazie

Aggiungi un commento