Notizie del memorabile scoprimento dell’antica città Ercolano, vicina a Napoli – Francesco Gori 1748

Inserito da: · marzo 26, 2017

Notizie del memorabile scoprimento dell’antica città Ercolano, vicina a Napoli 
del suo famoso teatro, templi, edifizj, statue, pitture, marmi scritti e di altri insigni monvmenti, avute per lettera da varj celebri letterati … : aggiunta la statua equestre di marmo … : ed una dissertazione sopra la mensa sacra degli ercolanesi scritta con lettere etrusche.

Di Francesco Gori 1748

http://archive.org/stream/notiziedelmemora00gori 

303herclg

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

Discussione1 Comment

  1. mari ha detto:

    Pompei ed Ercolano

    da Julian Hurtado Aguna
    Pubblicato: 01/02/2000 Le voci popolari sono il più visitato e più partecipazione dei nostri visitatori hanno generato.

    Julian Hurtado Aguna è Dottore in Geografia e Storia nella sua specialità di “Storia Antica” presso l’Università di Salamanca passando nel 2000 la sua tesi di dottorato Sobrealiente Cum Laude.

     

    All’interno della penisola italiana, nella regione Campania le città romane di Pompei ed Ercolano sono stati distrutti da una eruzione del Vesuvio durante il regno dell’imperatore Tito in piedi. Essi erano situati in una regione con grandi possibilità agricoli e vicino alla città di Napoli. Mentre le città costituite di scarsa rilevanza in dell’impero romano, lava e cenere di un vulcano come il Vesuvio che seppellì e ha permesso praticamente conservazione, farci sapere come lo erano al tempo dei romani. Ciò è avvenuto nel mese di agosto del 79 dC, quando una colata di fango seppellì la città di Ercolano, Pompei durante la ricezione di una pioggia di cenere, con enormi pezzi di pietra pomice. Infine fumi di zolfo avvolto asfissiati queste città ei loro abitanti. Una parte importante di questi è morto al momento della sua distruzione, tra cui il famoso naturalista Plinio C. In secondo luogo, osservando l’attività del vulcano. Entro diciotto chilometri il paesaggio è stato influenzato e fertili campi circostanti queste città sono state rase al suolo.

    Gli scavi archeologici e gli studi di Pompei ed Ercolano iniziarono nel XVIII secolo, con poche interruzioni hanno continuato fino ad oggi. Oggi siamo in grado di camminare attraverso le rovine di Pompei, che sono perfettamente conservate la disposizione delle sue strade, le strutture dei loro negozi e laboratori, nonché importanti edifici pubblici di questa città come il Foro, il Tempio di Iside o l’Anfiteatro accanto ai resti della sua amurallamiento sistema. Numerose case private di questa città hanno mantenuto le loro stanze, atri e giardini. In diverse occasioni queste case hanno anche importanti resti di pitture murali e mosaici. Ercolano Pompei proporzioni minori, ha anche fornito numerose abitazioni private, bagni privati ​​e alcuni edifici pubblici come il teatro. Alcuni vicino alla città di Pompei ville suburbane, ben conservato con affreschi importante dipinto murale unità, che spesso utilizzano temi di ispirazione greca. Il fatto rimane sepolto per secoli da lava e cenere ha permesso una buona conservazione dei resti di antiche città UK- TAS.

    Anche questa regione campana in cui si trovava Pompei, aveva ricevuto come tutta l’Italia meridionale, l’influenza della civiltà greca. La prova di questo importante influenza è la presenza non lontano dalla città di Pompei Paestum, dove importanti templi greci stanno in buone condizioni. In questo senso anche la città di
    Napoli (Neapolis), nei pressi di Pompei ed Ercolano era una fondazione greca.

    L’interesse di Pompei e vicina Ercolano sta nel fatto che possiamo vedere molto accuratamente quello che era la vita quotidiana di una città romana dell’Impero, come si è sviluppato 2000 anni fa, con le sue strade e le sue varie spazi pubblici e privato. La visita della città può essere completato con una visita al Museo di Napoli, dove sono conservati numerosi resti di questa città.

Aggiungi un commento