… càvere ca’…

Inserito da: · settembre 3, 2017

Di

Aniello Langella

Avevo sentito spesso quella voce, vi dicevo, ma quel giorno il pizzaiolo della villa comunale dove mi ero recato per mano al nonno, sembrava diverso dagli altri. Quello non era un pizzaiolo ambulante, ma un professionista vero, con una voce da tenore e con uno sguardo da furbo sotto le folte sopracciglia che accentuavano ancor di più quegli occhi ingrottati e lucenti. Un volto nero affummato,  magro come n’alice salata, aveva nella cintura dei pantaloni, da un lato una tovaglia che in origine doveva essere bianca e dall’altro lato un mazzetto di carte nel quale porgere come in un piatto il suo profumato prodotto della sua bottega ambulante.

cavere icona1

 Aniello Langella – Cavere ca’ – vesuvioweb 2016.pub

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Sei riuscito a coniugare in perfetta armonia realismo, acribia di ricercatore di cultura popolare e genuino sentimento. Complimenti.

  2. giuseppina di vicino ha detto:

    bravo, non avevo dubbi. La tua genialità non ha fine. Che Dio ti protegga sempre.

Aggiungi un commento