Vesuvio 1806

Inserito da: · maggio 23, 2019

Vesuvio 1806

A cura di

Aniello Langella

 

Nelle due settimane che precedettero l’evento, si abbassò moltissimo la falda freatica e mancò l’acqua nei pozzi il cui livello venne considerato eccezionalmente basso. Terremoti quasi tutte le notti ed in particolare il giorno 2 giugno. Oscillazioni così ampie che risuonarono senza l’intervento umano le campane di Santa Croce e del Carmine. L’eruzione del 1806 viene ritenuta dai vulcanologi, mista. L’eruzione iniziò il 31 maggio con i classici fenomeni che accompagnano la fenomenologia vesuviana e si ritenne conclusa il giorno 5 giugno. Un lungo fiume lavico accompagnato da grandi esplosioni in vetta si formò sul versante a sud est, dirigendosi verso la Collina dei Camaldoli di Torre del Greco, ma parallelamente e per circa 3 giorno dall’esordio vi furono piogge di ceneri ovunque. Si erano spinte ad altezza considerevole granzie ad un possente scoppio datato al 2 giugno, che esplose verso l’alto una grandissima quantità di materiali piroclastici. La ricaduta delle ceneri si registrò su Nola, Sorrento, Massalubrense, fino a Benevento. Nella fase iniziale non mancarono, assieme alle grandi esplosioni, le fontane di lava e colata di lava verso sud-sudovest. Distruzione di campi coltivati e vigneti. L’eruzione fu preceduta da un forte terremoto e accompagnata da tremore sismico.

 

The fiery museum, or, The burning mountains : containing authentic accounts of those dreadful eruptions which have so frequently broke out at mounts Vesuvius and Aetna : with a circumstantial narrative of their eruptions in one of which, (at Vesuvius) the town of Ottaiano was nearly reduced to ashes : with every particular relative to those great volcanoes which have so astonished the surrounding nations, and the world. By William Curk
1806

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L'eruzione del Vesuvio del 1806

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Dalle mie parti (Valle Telesina) c’è sempre stata una tradizione orale che fa riferimento alla ricaduta sulle nostre terre delle ceneri del vostro vulcano. Si è sempre detto: in quell’occasione “sceqqwawe cennere” (fioccò cenere).

  2. Jana Haasová ha detto:

    Una descrizione molto vivace dell’eruzione e del precedente terremoto.

    … Terremoti quasi ogni notte, specialmente il 2 giugno. Tali grandi oscillazioni che suonavano le campane di Santa Croce e del Carmine senza intervento umano … Che dovevano spaventare gli abitanti.

    Il Vesuvio è stato molto attivo nel 19 ° secolo.

    Saluti Jana

Aggiungi un commento