Anduvina ’nduvinello – Una selezione di indovinelli napoletani

Inserito da: · novembre 15, 2019

Una selezione di indovinelli napoletani

Anduvina ’nduvinello

Di

Luciano Galassi

’Mbuttunato ’e chiummo primmatuculéa, po’ cade… a ’o nemico che fuie… ponte d’oro. Imbottito di piombo prima vacilla, poi cade… al nemico che fugge… ponti d’oro. (Adattamento di un testo della compianta Anna Maria Cerillo, per molti anni benemerita divulgatrice di proverbi e modi di dire napoletani) Ci vuol far credere che il nemico, riempito di pallottole di piombo dalle nostre
armi, prima barcolla e poi cade al suolo… I suoi sodali, vista la disfatta, si danno a fuga precipitosa e noi li lasciamo andare, mèmori del saggio detto A nemico che fugge ponti d’oro. Ma le cose non stanno così e noi siamo in grado di individuare i quattro elementi-base, camuffati ma non del tutto mimetizzati, che ci consentono di centrare l’obiettivo: è ’o dente> il dente, in quanto: –  mbuttunato ’e chiummo: imbottito di piombo, e quindi otturato (o, meglio, con più preciso termine tecnico “riempito”) è il dente da restaurare per i danni provocati da processi cariogeni,  ipristinandone struttura, morfologia ed integrità; un tempo si usava appunto il piombo, oggi sostituito da résine (i c.d. compòsiti dentali); – primmatuculéa: di solito, prima di staccarsi (“cadere”), vacilla per la compromissione dei tessuti di sostegno, dovuta a varie cause (ma non nella prima infanzia, quando il ricambio è fisiologico); – po’ cade: poi arriva il momento della sua caduta, come messo in luce nella sintetica sequenza dell’indovinello; – ponte d’oro: c’è infine da sostituire il dente perduto e, per realizzare ciò, si adopera il ponte dentale, che è un restauro sostitutivo su base protèsica: al giorno d’oggi i ponti convenzionali sono in metallo-ceramica o interamente in ceramica mentre un tempo erano d’oro, da cui l’espressione ingannevole ponte d’oro inserita nell’indovinello. In lingua c’è un testo per bambini assolutamente telegrafico ma abbastanza semplice: «Quando balla cade sempre», adoperandosi l’espressione familiare “ballare” al posto di “vacillare” o “tentennare”.

01 – Luciano Galassi – ANDUVINA ‘NDUVINELLA – Una selezione di indovinelli napoletani – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo

Aggiungi un commento