La Grotta Azzurra a Capri e la Villa romana di Gradola

Inserito da: · settembre 15, 2020

La Grotta Azzurra a Capri e la Villa romana di Gradola

di

Aniello Langella

L’accesso alla Grotta Azzurra di Capri si trova lungo la costa a nord dell’isola e l’intero complesso in parte subacqueo ed in parte percorribile con una barca ed anche a piedi, soggiace alla villa romana di epoca tiberiana, detta di Gradola. Una villa marittima posta in posizione panoramica, che si sviluppava lungo il pendio e lo scosceso della costa, per offrire in termini architettonici il meglio della composizione e del confort e del godimento della bellezza paesaggistica. Terrazze aggettate lungo il pendio, ne costituivano le premesse strutturali. Sappiamo che intorno alla metà dell’Ottocento, venne scavata dal colonnello americano Mac Kowen, il quale qui rinvenne capitelli, colonne, numerosi frammenti di statue, di pavimenti e di cornici in marmo, che in parte furono trasportati presso la Casa Rossa ad Anacapri. Ma noi ignoriamo esattamente l’elenco dei manufatti sottratti allo scavo ed ignoriamo anche quale fu la loro destinazione finale. Qualcuno ipotizza che i materiali più pregiati, presero la via dell’estero. La villa di grandi proporzioni, che ancora oggi si scorge nel contesto della scogliera e della vegetazione che in parte la ricopre, ci mostra un complesso che venne abitato in più fasi con momenti di ricostruzione ed aggiunta di corpi di fabbrica. Si riconoscono oggi, alcune cisterne per la raccolta delle acque piovane e, a ridosso della terrazza superiore, sei piccoli ambienti, dei quali uno con resti di intonaco giallo su zoccolo rosso e pavimento a mosaico bianco. Si scorgono ancora chiari i resti di una scala tagliata nella roccia, che doveva condurre alla Grotta Azzurra. Qui ai tempi di Tiberio, come oggi, si entrava con piccole barche, proprio attraversando quello stretto e basso cunicolo che sfiora la superfice del mare ed entra nel gran duomo della Grotta.

 

Aniello Langella – La Grotta Azzurra a Capri – vesuvioweb 2020.pub

Discussione3 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Grazie alle tue conoscenze profonde e alla grande perizia ci conduci per mano nell’esplorazione di questo grandioso patrimonio della storia e dell’umanità, che, nonostante i furti subiti nei secoli, resta un tesoro di inestimabile valore.

    • Vesuvioweb ha detto:

      Caro Silvio, grazie a te per e belle parole. Tu sai bene quanto siano grandi le radici culturali di questa terra. Basterebbe poco a volte pochissimo per poterle assaporare. In fondo basterebbe un po’ di curiosità, un po’ di consapevolezza che conoscere è semplicemente bello. Ciò che scrivi tu, ciò che sai trasmettere tu nel campo della linguistica e della ricerca storica è altrettanto importante, credimi ed io sono felice di averti conosciuto.

  2. maria ha detto:

    Nello caro :mi unisco ad le parole dette da Silvio,non vi é nulla da aggiungere… brillante laboro grazie ,per lo sfoprzo fatto ed il gaudio per i tuoi lettori….

Aggiungi un commento