La Bocca del Francese. Storia di una tragica vicenda vesuviana

Inserito da: · ottobre 31, 2020

La Bocca del Francese. Storia di una tragica vicenda vesuviana

Di

Vincenzo Marasco

«Nell’atrio del Cavallo, ossia nella pianura che divide il cono vulcanico del Vesuvio dai monti e da’ valloni di Somma, si vedono sorti dagli 11 di dicembre sin’oggi sei coni vulcanici posti in linea
pressoché retta, ed esposti a Maestro-Tramontana. L’ultimo di essi è sulla pendice del monte, un centinajo di passi distante dal sito per ove si montava sul gran cratere, il quale ora è tutto occupato
da recenti lave. Il primo che s’incontra di questi coni, ed il più vicino al fosso dell’Avetrana, è alto circa 24 palmi, ed ha quasi il doppio di perimetro nella sua base. Nato sulla lava del 1786 descritta
da Spallanzani, l’ha ricoperta con la recente, e con sabbia nera e grossolana. La nuova lava pria di giungere al fosso accennato, in due rivoli si divise, ed ambi cominciarono a discendere nell’Avetrana, ma dopo un centinajo e mezzo di passi discendendo si unirono i due rivoli in uno, e bruciando le contigue selvette, e quelle che di fronte v’incontrarono nella discesa, si avanzarono
verso S. Iorio. Questo primo cono adunque, che somiglia più ad una piramide rotondata o vòta, cinque in sei palmi sotto il suo vertice ha una frattura che può ricevere un uomo, ed entratovi non
vi si è trovata se non sale muriatico tinto di giallo, o di verde con un certo saporetto stittico, che di alluminia soprasolfata partecipa. Il contorno di questo cono fuma da per tutto, e da grandi fenditure copiosi vapori acquei s’innalzano, ma senza alcun odore nè sapore. Vi si potrebbero perciò stabilire altrettante fontane alla Gimbernat, o pure alla Breislack, che ne fu il primo autore; a me è bastato di assicurarmi, che tali vapori sono attualmente affatto privi di sapore, e di odore, e perciò nulla annunziano contenente di eterogeneo.

Vincenzo Marasco – La Bocca del Francese, storia ed epilogo di una tragica curiosità vesuviana – VESUVIOWEB 2020

Discussione2 Comments

  1. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Le immagini della forza eruttiva del vulcano mi hanno incuriosito a leggere il breve ed intrigante scritto del Marasco che ci dà un cronotopo esatto della tragica vicenda,verificatasi nel dicembre del 1820.Il giovane francese Luigi Cutrel,in visita al Vesuvio,si getta-.non se ne conosce il vero motivo-in una delle aperture.Dallo scritto si desume che il suicidio era programmato.L’apertura venne poi chiamata la Bocca del Francese.Ho trovato la definizione di”piccolo Empedocle” azzeccata.Il famoso filosofo greco si suicidò,però,a tarda età,buttandosi nell’Etna.E’ stato il grande poeta romantico Hoelderlin a coglierne nella tragedia,appunto,intitolata “Empedocle”,le ragioni molteplici che lo hanno portato alla scelta definitiva.Solo i grandi sanno penetrare nelle pieghe tortuose ed oscure dell’animo umano….

  2. Jana Haasová ha detto:

    Belle e affascinanti le immagini dell’eruzione del Vesuvio di Camillo De Vito e Johan Christian Dahl. Mappa bella e dettagliata.
    Grazie e saluti
    Jana

Aggiungi un commento