La Repubblica Napoletana del 1799 proclamata il 23 gennaio e morta il 22 giugno

Inserito da: · giugno 6, 2021

La Repubblica Napoletana del 1799 proclamata il 23 gennaio e morta il 22 giugno

Di

Umberto Vitiello Vadìm

 

La notizia che il 14 luglio 1789 a Parigi dei rivoltosi avevano assalito e liberato la Bastiglia e avevano intenzione di recarsi a Versailles per indurre il Re a trasferirsi per sempre a Parigi giunse abbastanza presto anche a Napoli e nel sud d’Italia, ma solo a quei pochi che ricevevano un giornale francese o avevano una corrispondenza epistolare con un intellettuale come loro che viveva in Francia. E pochissimi furono coloro che tra questi s’accorsero presto dell’importanza storica di quell’evento.
D’altra parte lo stesso Re francese, Luigi XVI, nel suo diario sulla pagina del 14 luglio 1789 scrisse rien (niente), a significare che non era accaduto nulla di rilevante. Il senso di un’importanza storica notevole della presa della Bastiglia di Parigi si cominciò ad avere tra i nostri intellettuali e nei salotti dove si discuteva di arte e di politica internazionale solo dopo poco più di un mese, quando si apprese della
Dichiarazione dell’Uomo e del Cittadino L’Assemblea Nazionale Costituente scaturita dalla Rivoluzione Francese del 14 luglio1789 l’aveva emanata il mercoledì 26 agosto 1789. Divulgata in tutta la Francia e subito dopo nell’intera Europa, ispirerà poi numerose costituzioni nazionali. Gli Illuministi, anche quelli napoletani e del sud Italia, l’apprezzarono più degli altri, perché erano la prova che la loro filosofia non era un’astrazione come le altre, ma si traduceva in atti che, annullando ogni privilegio, rendevano gli uomini tutti uguali di fronte alla legge e liberi di scegliere i modi e gli scopi del proprio pensare e del proprio agire, invogliati ad essere solidali tra loro: “égalité. liberté, fraternité”…

Umberto Vitiello Vadìm – La Repubblica Napoletana del 1799 – vesuvioweb 2021

Discussione1 Comment

  1. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Le pagine sulla Repubblica Napoletana del 1799 sono,pur a distanza di più di due secoli, toccanti ed attuali: i protagonisti si sono battuti fino a pagare con la vita per i principi di libertà e di giustizia sociale,valori permanenti ad ogni latitudine ed ad ogni epoca..I 122 impiccati di cui vengono riportati puntualmente dati anagrafici e professioni andrebbero meglio conosciuti dai giovani,troppo condizionati dalla cultura del presentismo e poco inclini ad appropriarsi criticamente del passato.Le vittime del dispotismo borbonico vanno visti come protomartiri della nostra storia nazionale. Averli ricordati è stata iniziativa lodevole.

Aggiungi un commento