Cronaca religiosa dall’eruzione del Vesuvio del 1794

Inserito da: · luglio 4, 2017

Di

Aniello Langella

Erano illuminate dal fuoco della lava le terre dei Tironi, quando la città si vide accerchiata dal fuoco. Lo stesso giorno, il 18 giugno del 1794 bruciavano i vigneti della parte alta della città di Torre del Greco. E nella notte la lava alta quasi 4 metri su un fronte minaccioso lungo quasi 600 metri, iniziò a scendere verso il mare. Da lì a poco avrebbe invaso il cuore urbano della città, distruggendo tutto. Invase durante la notte il grande slargo di Capotorre, si allargò verso est andando a distruggere i palazzi e le chiese del centro, tra cui Santa Croce.

icona-materdei1

Proseguì durante la notte e nelle prime ore dell’alba per la Strada Comizi per poi guadagnare il mare. Un inferno di fuoco bruciava sulle case di Torre. Impattò, quella sproporzionata massa di lava, ciò che di più caro c’era allora nell’animo dei toresi: il cuore religioso della città. Crollarono Santa Croce, la chiesa dell’Assunta, Santa Maria delle Grazie, Santa Maria del Principio e San Michele Arcangelo. Sepolte per sempre sotto quel masso lavico fluido che nei giorni successivi e fino al 24 giugno, continuò a mutare per effetto del raffreddamento aereo e del contatto con il mare.

icona-download—————————————————————————————————————————————————–

aniello-langella-cronache-religiose-dalleruzione-del-vesuvio-del-1794-vesuvioweb-2017-pub

 

TEMI E ARGOMENTI CORRELATI

Il monastero di Massalubrense e Suor Serafina di Dio

Aniello Langella – Suor Serafina di Dio

Aniello Langella e Osvaldo De Mase – Il Complesso Monumentale del Santissimo Salvatore di Capri

Aggiungi un commento