Risultati ricerca

Hai ricercato ed abbiamo trovato i seguenti risultati...

01 Feb

43 – Carlo Iandolo – Gli articoli plurali in Napoletano

by Vesuvioweb

… Infatti la desinenza di tale caso nel latino volgare sarebbe sfociata nelle rispettive forme *(il)les e quindi –con ulteriore passaggio terminale “-e > -i”– in *(il)lis, perché “la sibilante ha palatalizzato la vocale precedente ma non è ancora caduta” (Aebischer): ne sono riprove “operas > operes, amores > amori, voces > voci, dulces > […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

19 Ott

Carlo Iandolo, un linguista vesuviano

by Vesuvioweb

Carlo Iandolo, un grande linguista vesuviano (S. Giorgio a Cremano, 1940 – Pompei, Aprile 2016) Il ricordo del Professor Carlo Iandolo è forte. Ritornano alla mente i suoi lavori, le sue ricerche continue ed assidue in tema di LINGUISTICA VESUVIANA, spaziando con assoluta leggerezza dai temi legati al dialetto, per finire alle definizioni linguistiche. Un […]

09 Feb

Carlo Iandolo – GIUSEPPE – MARIA – GIOVANNI – ANNA

by Vesuvioweb

I nomi propri: Giuseppe, Maria, Giovanni, Anna di Carlo Iandolo … Anna – Il greco “Anna” corrispose all’iniziale forma ebraica “Hannâh”, ma va subito chiarito che non è affatto accertato che tale fosse il nome della madre della Vergine Maria. Il suo significato, connesso con la radice verbale “hânan = avér misericordia; favorire”, da alcuni […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Nomi propri

20 Ott

38 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Il raddoppio consonantico iniziale

by Vesuvioweb

Esordiamo con una duplice dichiarazione, ribadendo i princípi che sosteniamo da tempo immemorabile a) – com’è tipico anche e specie della nostra pronunzia dialettale, spesso essa mostra il raddoppiamento iniziale della consonante, il quale va sia rispettato che riprodotto necessariamente e fedelmente nella conseguente scrittura, com’è anche di altre particolarità similari (a mo’ d’esempio, le duplicazioni… 38 Carlo Iandolo – […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

15 Gen

Carlo Iandolo – Le “papere” linguistiche di Mussolini

by Vesuvioweb

Così commenta l’articolo Armando Polito Meraviglioso post in cui si dimostra in poche righe come il potere (qui uno in particolare, ma il giudizio per me vale per tutti e di ogni tempo…), anche a considerarlo dalle sue forme di espressione meramente linguistiche, si accompagna sempre all’idiozia. A parte quell’”ammirare”, caro professore, in cui il […]

15 Gen

Carlo Iandolo – Le crisi dell’apostrofo

by Vesuvioweb

Accanto alle crisi d’ogni tipo nel tempo e all’alternanza di regole e d’eccezioni peculiari in tutti i settori della vita giornaliera, non potevano mancare taluni sovvertimenti anche linguistici, come dimostrano la frequente rinunzia all’apostrofo e la conseguente grafia unificata. Fra gli esempi piú significativi, ecco una serie di sostantivi comuni quali il famoso dolciume natalizio […]

14 Gen

Carlo Iandolo – Dal positivo al negativo (e viceversa)

by Vesuvioweb

La lingua ha spesso risvolti imprevedibili, come quando talune parole contraddicono il lontano significato di partenza, barcamenandosi in una diversità di duplice vita morfologica, semantica ed espressiva. Si pensi all’aggettivo latino (Christianu-m >) cristiano che, passato in Francia nella forma “cretin”, è tornato in Italia nel negativo appellativo cretino, certo… Carlo Iandolo – Dal positivo […]

14 Gen

30 – Carlo Iandolo – Pillole Lingistiche Napoletane – Cafone

by Vesuvioweb

Vorremmo essere meno evanescenti dei nostri vocabolari etimologici, che hanno inappaganti richiami emblematici e generici, fra i quali escludiamo decisamente il riferimento allo specifico personaggio e nome “Cafo”, sia amico di Cesare che con dubbia legittimità nel 43 a. C. gli donò una grand’estensione di terra nell’agro capuano, dove esercitò i suoi diritti di padrone, […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

14 Gen

24 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Questioni d’ortografia

by Vesuvioweb

Per il dialetto napoletano il bisogno piú immediato -alla luce delle leggi della linguistica moderna- è quello di revisionare i molteplici suoi mezzi espressivi, fra cui sono primari i settori dell’ortografia lessicale e dell’etimologia. A tal fine diamo avvio col passare al setaccio le giuste scritture da attribuire a due verbi partenopei. 1) L’infinito apocopato […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane